atlante head 600x100

Donato Scapati - Opere del ciclo Odissea

Donato Scapati - Opere del ciclo Odissea

Se il destino esteriore ha sorvolato me, come tutti, ineluttabile e velato dagli Dei, la mia sorte interiore è stata tutta opera mia, la sua dolcezza o amarezza è dovuta a me e penso di doverne a me solo la responsabilità.

Hermann Hesse

Donato Scapati - Simone Z. - Figure aggrovigliate


E a lei queste parole rispose Telemaco scaltro:

Donato Scapati - Carmen I. 1995


E quante volte il poeta divino cessava il suo canto,
tante tergeva le lagrime, il manto scostava dal viso,
e, tolto in mano il nappo capace, libava ai Celesti:

Donato Scapati - Domenica F.


Per prima cosa il mio nome vo’dirvi, che voi lo sappiate,
ed io possa cosi, sfuggito il mio giorno fatale,
ospite vostro restare, sebbene lontano è il mio tetto.

Donato Scapati - Rosaria S. - Paesaggio 1995


Due rupi indi ci sono, che il cielo infinito una attinge
col vertice aspro, e tutta la cinge una nuvola azzurra,
che non si dissipa mai; né mai su quel culmine eccelso,
sia pure estate, autunno pur sia, fulge I aria serena.

Donato Scapati - Carolina F.


Essa un mantello poi v’aggiunse e una tunica bella,
e, a lui parlando, il volo rivolse di queste parole:
«Presto, il coperchio guarda tu stesso, ed intrecciavi un nodo,
ché depredarti alcuno non debba in viaggio, se ancora
ti colga il dolce sonno, varcando sul negro naviglio».

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo avviso, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.